Iniziata nei mesi scorsi, l’iniziativa “Un pc per tutti” lanciata dalla Comunità Montana di Vallecamonica e dal Bim si è conclusa proprio alla vigilia dell’inizio dell’anno scolastico. Lo ha fatto con un gesto che vuole addolcire il ritorno sui banchi in questo anno difficile e soprattutto dare una mano alle famiglie in difficoltà della Valle.

Grazie alla generosità ed alle donazioni di alcune aziende camune, come Fen Energia, Gruppo Lucefin, Forge Monchieri, Lion Meccanica, Carlo Tassara, S.A.I. di Contessi della Vallecamonica e di Assocamuna, sono stati acquistati 215 tablet, donati agli studenti in condizioni economiche fragili, con la consapevolezza che i dispositivi serviranno loro per seguire le lezioni da casa quando queste si svolgeranno online con la didattica a distanza.

In questi giorni la Protezione Civile li ha consegnati ai Comuni della Valle e del Sebino Bresciano: toccherà poi ai sindaci, valutando le richieste e le reali problematiche delle famiglie, distribuirli. La consegna iniziale prevedeva un minimo di quattro tablet per Comune, ma alcune Amministrazioni ne hanno chiesti di meno: si è così deciso di incrementarne la consegna nei Comuni dove ne servivano di più su base demografica, uno ogni mille abitanti.

Così nei Comuni più piccoli, come Losine e Berzo Demo, ne sono stati consegnati uno o due, in paesi come Angolo, Cedegolo, Ceto, Sulzano ed altri quattro, mentre nei Comuni più popolosi il numero varia: si passa dai 19 di Darfo ai 9 di Breno, Esine, Pian Camuno e Piancogno.

Share This