Prosegue, a spron battuto, in Lombardia, la doppia campagna vaccinale contro il Covid-19 e l’influenza stagionale. Il picco di quest’ultima, rispetto agli anni passati (quando a dir la verità era il Covid-19 a preoccupare di più) è arrivato prima del previsto: sono milioni, infatti, gli italiani e le italiane che si ritrovano a letto a causa di un virus influenzale che sta colpendo più duramente a causa della sua velocità di diffusione.

Proprio in virtù di ciò, la Regione Lombardia ha deciso di anticipare i tempi e, dal 26 novembre scorso, ha dato la possibilità a tutti e non solo agli anziani, bambini e categorie fragili, di farsi somministrare il vaccino. Una strategia che sta ripagando: dal 12 novembre al 4 dicembre scorsi sono state effettuate 779.650 somministrazioni di vaccino, con una media di 33.898 vaccini al giorno. 221.758 (28%) sono anti-Covid, 529.933 (68%) antinfluenzale e 27.959 (4%) anti-pneumococco.

Andando nello specifico, nel periodo dal 28 novembre al 4 dicembre sono state 63.836 le dosi di vaccino antinfluenzale somministrate e 71.093 quelle del vaccino anti-Covid; circa il 50% del totale è stato somministrato dai medici di Medicina Generale.

A loro, ma anche ai farmacisti ed ai pediatri coinvolti nella campagna vaccinale, va il ringraziamento di Guido Bertolaso, assessore regionale al Welfare, “anche quest’anno ci stanno dando una grande mano nel raggiungere più fasce di popolazione possibile”. Per prenotare la vaccinazione si può accedere alla piattaforma vaccinazioneantinfluenzale.regione.lombardia.it.

Share This