E’ iniziata la cosiddetta Fase 1 relativa alla campagna di vaccinazioni contro il Covid-19. Dopo il Vaccine Day del 27 dicembre, in tutte le Regioni d’Italia è stata avviata la procedura che, com’è ormai noto, in questa prima fase dà la priorità agli operatori sanitari, sociosanitari ed agli ospiti delle case di riposo.

Ad oggi, sono 118.554 le persone vaccinate in tutta Italia (dati aggiornati alle 00:59 del 4 gennaio); in Lombardia sono 3.126 (per una percentuale di somministrazioni su dosi consegnate del 3,9%), la maggioranza delle quali è al lavoro in strutture sanitarie. La Vallecamonica entrerà nel vivo delle vaccinazioni dal 4 gennaio, quando l’Asst, grazie alle dosi ricevute mercoledì scorso, potrà iniziare ad effettuare le somministrazioni (circa 2.300 quelle garantite dalla prima fornitura) al personale sanitario, che per ora ha aderito per una percentuale di oltre il 60%.

Lo sguardo è però già verso la Fase 2, ovvero quella che riguarderà tutta la popolazione: in questo senso, importante sarà il lavoro dei farmacisti, dal momento che anche loro potranno somministrare il vaccino, dopo opportuna formazione. Federfarma Brescia si è già portata avanti: in estate trecento farmacisti bresciani hanno partecipato ad un corso apposito, a cui manca solo la parte pratica.

Il loro contributo potrebbe essere fondamentale nel favorire la distribuzione del vaccino anche nei piccoli Comuni. Infine, la Lombardia sta pensando ad un sistema che faciliti le prenotazioni e che prevede l’invio di un sms a tutti i residenti.

Share This