Il 2022 dovrebbe essere l’anno decisivo per il progetto della variante di Edolo, con il lavoro di Eutimio Mucilli, commissario straordinario, che dovrebbe accelerarne i tempi. Eppure, l’anno è cominciato con una sorpresa per Luca Masneri e Gian Battista Pasquini, rispettivamente sindaci di Edolo e Sonico.

Nelle settimane scorse il Ministero della Transizione Ecologica ha pubblicato la documentazione relativa al progetto definitivo, dopo aver ricevuto da Mucilli l’istanza per la Valutazione d’impatto ambientale. In questo modo, i due primi cittadini hanno potuto visionare il progetto, notando però un’importante modifica di cui non erano a conoscenza: l’ingresso a sud del nuovo tratto, quello che permetterà di immettersi nella galleria che bypasserà il centro di Edolo, non si troverebbe più nel territorio comunale di quest’ultimo (sulla rotonda all’ingresso del paese) ma a Sonico, sempre all’ingresso di una rotatoria.

“Un progetto profondamente diverso rispetto al preliminare approvato in conferenza dei servizi”, fanno sapere i due sindaci che, consapevoli della necessità dell’opera anche alla luce dei flussi di traffico che hanno provocato non pochi disagi durante i primi giorni dell’anno, evidenziano come il progetto presenti “margini di miglioramento”.

Per questo, Masneri e Pasquini si impegneranno per proporre delle modifiche nella nuova conferenza dei servizi, richieste che serviranno a ridurre l’impatto ambientale, sulla rete stradale secondaria (soprattutto nel caso di chiusura della Statale 42), sulle strutture comunali esistenti e sulle attività che intersecano il progetto. I sindaci incontreranno a breve Mucilli per condividere con lui le variazioni, in un’ottica che prevede che benefici ed oneri siano “equamente ripartiti su tutta la Valle”.

Share This