Il presidente della Provincia di Brescia Pierluigi Mottinelli torna a sottolineare le criticità che ancora presenta, nonostante i continui interventi di riqualificazione e ammodernamento dell’arteria – l’ultimo dei quali tra Ceto e Berzo Demo, aperto al transito nel 2012, evitando la strozzatura di Cedegolo – la  SS 42 e torna a parlare della variante di Edolo.

 

“Il rimanente tratto ricadente nell’alta Vallecamonica – ha sottolineato il Presidente Mottinelli –  presenta rilevanti criticità, in particolar modo in corrispondenza del centro abitato di Edolo, nel quale si biforcano le direttrici verso il Tonale (SS 42) e l’Aprica (SS 39), nodo la cui congestione è amplificata dalla presenza di una contigua strettoia nella galleria e sul ponte della SS 42, strozzatura che limita drasticamente la percorribilità dei mezzi, in particolare di quelli pesanti”.

Anas ha verificato il progetto preliminare che la Provincia le aveva inviato e lo scorso agosto ha trasmesso la propria istruttoria, con le osservazioni relative ad aspetti tecnici, in particolare alle norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade.

“Il Settore Strade della Provincia – continua Mottinelli – ha recentemente trasmesso all’ANAS le controdeduzioni alle osservazioni ed è in contatto continuo con l’Ing. Dino Vurro e il Presidente Gianni Armani per risolvere i problemi afferenti alla progettazione esecutiva che sarà a cura di ANAS.  Stiamo andando verso una soluzione definitiva della variante all’abitato di Edolo, “Porta delle Alpi”, verso Ponte di Legno/Tonale. Il tracciato si svilupperà per lo più in galleria per evitare l’impatto ambientale sul paese”.

L’intervento è finanziato sul Patto della Lombardia per 60 milioni; la natura stessa del finanziamento prevede l’impegno delle risorse entro il 2019, anno che coincide con la programmazione triennale ANAS.

“Faccio un appello ai candidati delle prossime elezioni politiche e regionali – ha concluso il Presidente – affinché questo sia l’impegno per il territorio della montagna bresciana”.

L’intervento prevede la riqualificazione del tratto della S.S. 42 in Alta Valle Camonica, allo scopo di by-passare il centro abitato di Edolo in provincia di Brescia.

Il tracciato di progetto della Variante Est di Edolo, della lunghezza di 1,8 Km, prevede una corsia per senso di marcia ed una banchina laterale, per una larghezza complessiva della piattaforma stradale di 10,50 m.

L’intervento è oggetto di una Convenzione stipulata nel 2012, tra ANAS (Soggetto Attuatore) e Provincia di Brescia (responsabile per la progettazione preliminare) e di un Atto Aggiuntivo del 2015.

Il Progetto Preliminare complessivo del 2012 di cui alla suddetta Convenzione è stato suddiviso in tre sub lotti: quello di adeguamento in sede del tratto Berzo Demo – Edolo tra il Comune di Berzo Demo ed il Comune di Sonico, della lunghezza di circa 12,0 km. La Variante Est di Edolo tra il Comune di Sonico ed il Comune di Edolo, della lunghezza di circa 1,8 km. La Variante sud-ovest di Edolo di collegamento tra il Comune di Edolo e la S.S. 39, della lunghezza di circa 2 km.

Nel frattempo a Edolo si attende che venga realizzato al più presto almeno l’allargamento della galleria austriaca, che costerà circa 2 milioni e mezzo di euro.

Share This