Raffiche fortissime sin dalla notte. Il vento, come era stato preannunciato, martedì 1 febbraio ha soffiato forte sull’intera Lombardia e anche la Vallecamonica non è stata risparmiata.

Il Centro Meteorologico Lombardo ha registrato, attraverso le sue stazioni, i picchi massimi, e il record lo detiene, per i nostro territorio, la stazione al Lago della Vacca, che ha registrato la velocità massima di 151 km/h. Forte anche a Borno, a 1700 metri di quota, dove le raffiche hanno toccato i 127 km/h attorno alle 6 del mattino di martedì. Non male nemmeno ai 1200 di Montecampione, con i 68 km/h registrati.

A fondovalle la stazione di Esine alle 9:30 di martedì mattina è arrivata a 92 km/h, veramente tanto a bassa quota. Proprio nel popoloso centro si sono registrati danni alle coperture, come nel caso dell’hangar dell’Ely Fly e della scuola elementare (foto). I Vigili del fuoco hanno provveduto alla messa in sicurezza dei tetti interessati. Per questo il tratto che collega le frazioni Plemo e Sacca, onde evitare pericoli ai mezzi in transito, è stato chiuso dal Comune in mattinata.

Anche la stazione meteo di Sellero ha registrato, già alle 7:30, raffiche fino a 79 km/h. A Cerveno la strada del Monte è stata bloccata da alcune piante schiantate dal vento. Stessa situazione verso Lozio e Creelone di Ossimo, dove la carreggiata era però già chiusa per lavori. Sull’altro versante, tra Degna e Campolaro, strada chiusa a causa della caduta di alberi ad alto fusto

Disagi per le stazioni sciistiche, come Montecampione Ski area, che ha informato gli utenti che oggi e domani, mercoledì e giovedì, gli impianti di risalita saranno chiusi a causa delle avverse condizioni meteo previste e per il ripristino delle piste, che riapriranno regolarmente venerdì.

Il consorzio Ponte di Legno Tonale ha invece annullato, a causa delle raffiche, lo sci notturno in programma martedì sera sulla pista Valena.

Share This