Anche Bienno, come Darfo e Malonno, celebra il 15 febbraio la solennità dei patroni Faustino e Giovita. Da qualche tempo nel paese della Valgrigna si festeggia però anche la co-patrona: Santa Geltrude Comensoli.

A lei sabato sarà dedicata la Via Lucis, percorso religioso in onore della madre sacramentina di origini biennesi organizzato da GtoB, Comune di Bienno e Bienno Turismo.

Si tratta di un percorso devozionale e artistico lungo il quale si alterneranno vari momenti e suggestioni, mettendo al centro la figura di Madre Geltrude, donna di carità. L’intero tracciato sarà immerso nel buio e rischiarato solo dai bracieri e da oltre tremila lumini. Il tema di quest’anno è “La vita. Un cammino verso la luce…” e verrà sviluppato con il racconto drammaturgico religioso della vita terrena e spirituale della santa, con narrazioni e immagini che rappresentano anche l’uomo di oggi in cerca del senso della vita.

Appuntamento dalle 20 alle 22.30 nel centro del borgo, con uno spettacolo itinerante che partirà da Parco Oldofredi e condurrà i partecipanti alla scoperta del messaggio di Geltrude.

La novità di quest’anno vede l’impiego di “led wall”, con quadri in movimento raffiguranti i protagonisti della Bienno del passato. In scena il CtoB, del gruppo teatro oratorio Bienno, il coro Le Orège de Hoi e il Gruppo Armonie, la banda, oltre a molti figuranti e volontari di associazioni e gruppi del paese. La serata culminerà con un momento di adorazione conclusivo nella chiesa parrocchiale, curato dalle suore sacramentine.

Share This