Ceto, la riconversione dell’ex Nk ed un campo da padel nei programmi del 2022

Ceto, la riconversione dell’ex Nk ed un campo da padel nei programmi del 2022

A Ceto il 2021 ha segnato l’avvio di numerose opere pubbliche, legate alla riqualificazione, all’efficientamento energetico, alla sicurezza stradale ed alla riduzione del rischio idrogeologico. Il 2022, però, non sarà da meno: durante l’ultimo Consiglio Comunale, Marina Lanzetti, sindaco del paese, ha annunciato le novità in arrivo.

Tra queste, la riqualificazione del campo da tennis del centro sportivo di Nadro (per cui ci sarebbero 500mila euro dei Fondi dei Comuni confinanti), dove potrebbe anche sorgere il primo campo da padel della Vallecamonica, ma anche la riqualificazione dell’area Campagnelli, dove si trova l’ex Nk, per cui il Comune punta ad una riconversione. Con 100mila euro di contributo ministeriale, inoltre, sarà effettuata una nuova copertura all’ingresso della scuola elementare e la riqualificazione della zona esterna, dove oggi si trova il parco giochi della materna.

Grazie ad un accordo con la Comunità Montana, inoltre, dovrebbe essere effettuato un intervento di manutenzione straordinaria della strada per la Valpaghera, con il posizionamento di alcuni sensori sui versanti montani, nei pressi del Ponte Lungo. Durante il Consiglio Comunale, Lanzetti non ha risparmiato però anche delle critiche all’opposizione, commentando le dimissioni giunte dalla minoranza e criticando i banchi vuoti proprio durante l’assemblea.

Operazione carabinieri-Polizia locale a Boario, sette persone portate in caserma

Operazione carabinieri-Polizia locale a Boario, sette persone portate in caserma

Sette persone sono state portate in caserma a Breno, dove stanno subendo un interrogatorio da parte del Capitano Filiberto Rosano e dai suoi uomini. E’ l’esito di un’operazione congiunta tra carabinieri e Polizia Locale avvenuta nella mattinata di lunedì a Boario.

Stando a quanto rivela Teleboario, l’operazione è scattata nel parchetto vicino all’Hotel Brescia, luogo segnalato già in passato per alcuni episodi di spaccio, ed all’abitazione che si trova nei pressi, disabitata da quando il suo proprietario è morto ed occupata abusivamente.

L’operazione si è poi allargata ad altre vie di Boario. Il lavoro delle Forze dell’Ordine segue una serie di segnalazioni ed episodi avvenuti nelle settimane scorse da parte di alcuni residenti, che lamentavano l’insicurezza venutasi a creare in zona proprio a causa della presenza di vandali e spacciatori.

Fine settimana di sci affollato (ma in sicurezza) in Val Palot ed a Montecampione

Fine settimana di sci affollato (ma in sicurezza) in Val Palot ed a Montecampione

Non solo Pontedilegno-Tonale: anche le piste della Val Palot e di Montecampione Ski Area sono meta di numerosi appassionati di sci che, nel pieno rispetto delle norme anti-contagio, affollano i comprensori nei weekend per fare qualche discesa e respirare un po’ di aria pulita.

E’ successo anche nel fine settimana appena trascorso, quando i due comprensori hanno visto un buon afflusso di persone: tutte, ovviamente, dotate di mascherina e rispettose delle regole imposte, ma con meno ansia grazie al fatto di poter stare all’aria aperta. Protezione Civile e dipendenti delle due società hanno presidiato le piste, ma non si sono verificati disordini di alcun tipo.

Le piste hanno accolto anche gli Sci Club provenienti da varie parti del Nord Italia, che hanno partecipato tramite i loro atleti alle gare organizzate per le categorie che vanno dagli Esordienti ai Giovanissimi. Un protocollo, quello messo in pratica, che ha quindi permesso al tempo stesso lo svolgimento delle gare agonistiche e l’accoglienza di chi, invece, ha desiderato trascorrere due giorni sulla neve per passione.

Iseo, la signora Maria Cadei compie 101 anni

Iseo, la signora Maria Cadei compie 101 anni

E’ un compleanno importante quello celebrato oggi all’interno della Rsa Cacciamatta di Iseo. La signora Maria Cadei, infatti, compie ben 101 anni: alle animatrici della casa di riposo, le uniche che possono interagire in questo periodo con gli ospiti causa pandemia, la signora ha raccontato di sapere che avrebbe vissuto a lungo, cosa che sua madre le diceva sempre.

Nata a Colombaro di Corte Franca da Virgilio Cadei e Paola Marini, seconda di cinque figli, Maria a quindici anni si è trasferita ad Iseo, dove ha iniziato a lavorare come cameriera. Nel 1947 si è sposata con Fausto Bracchi, da cui ha avuto tre figli, Francesco, Marisa e Silvana. Il segreto della sua longevità, dice, sta nel fatto di essere stata spesso all’aria aperta, e di essersi quindi temprata.

Dal 2016 si trova nella Rsa iseana, dove partecipa con entusiasmo alle attività e dove i parenti la vanno a trovare, anche se in questo periodo sono costretti ad incontrarla con la divisione di un vetro. Maria è anche devota di Sant’Antonio da Padova, che dice non averla mai delusa.

[Foto da Bresciaoggi]

Pesce siluro, la caccia nel lago d’Iseo prosegue anche nel 2022

Pesce siluro, la caccia nel lago d’Iseo prosegue anche nel 2022

Tra febbraio e giugno del 2021 sul lago d’Iseo sono stati catturati 70 quintali di pesce siluro. Un’operazione importante, quella di contenimento di questa specie non autoctona e che si rivela essere molto vorace e quindi pericolosa per la sopravvivenza delle altre specie che vivono nel Sebino: per questo, il piano di contenimento del pesce siluro proseguirà anche per il 2022, estendendolo sia dal punto di vista delle aree di interesse che delle modalità di pesca utilizzate.

La modalità di cattura prioritaria messa in atto sarà l’elettropesca, che potrà essere applicata da operatori esperti; oltre a questa tecnica la caccia al siluro proseguirà con l’utilizzo di reti da parte dei pescatori professionisti, con la pesca sub da parte dei pescatori subacquei tramite un’apposita convenzione con le Torbiere del Sebino e con canna e lenza dai pescatori dilettanti individuati ed autorizzati sempre dalla Riserva delle Torbiere.

Le aree interessate vanno da Predore a Sulzano e Monte Isola (dove si utilizzeranno le reti), nella zona delle “Lamette” e nella fascia di lago di fronte alla Riserva ci sarà la pesca subacquea, l’elettropesca nella zona delle “Lame” e delle “Lamette” e la pesca dilettante solo nella zona delle “Lame”: interventi che proseguiranno fino a fine anno. L’obiettivo, come detto, è proteggere le altre specie esistenti nel lago, come il coregone, il luccio, l’agone e la tinca.