Pisogne, malore al Punto Acqua: indagano i tecnici dell’Ats della Montagna

Pisogne, malore al Punto Acqua: indagano i tecnici dell’Ats della Montagna

Due cicloamatori, di 55 e 73 anni, domenica sono stati protagonisti di un brutto episodio avvenuto a Pisogne e riguardante il Punto Acqua che, nei pressi della stazione ferroviaria, permette di riempire gratuitamente bottiglie e borracce con acqua naturale o frizzante.

E’ proprio quello che hanno fatto i due ciclisti, che però non si sono accorti del cattivo odore dell’acqua che avevano appena bevuto: come risultato, i due hanno accusato dei malori, tanto da far giungere sul posto –dopo la segnalazione di alcuni passanti- un’ambulanza dalla vicina sede di Santa Maria Assunta per essere soccorsi e trasportati all’ospedale di Lovere, oltre ai carabinieri.

Questi hanno immediatamente presidiato il Punto Acqua per evitare che altri vi bevessero, mentre i tecnici dell’Ats della Montagna hanno già prelevato alcuni campioni, anche dalle fontane vicine, per delle analisi. Per ora, però, non sarebbero emerse contaminazioni.

La causa del malore dei due cicloamatori potrebbe risiedere nella lunga chiusura avvenuta durante il lockdown del Punto Acqua di Pisogne (così come di tutti quelli presenti in Provincia, onde evitare assembramenti) ed in un eventuale deposito nocivo nel sistema di trattamento ed erogazione, oppure nel malfunzionamento del motore che porta l’acqua ai rubinetti.

[Foto da Bresciaoggi]

Berzo Inferiore, ecco la prima panchina arcobaleno camuna

Berzo Inferiore, ecco la prima panchina arcobaleno camuna

Nelle settimane scorse, Equanime (associazione di promozione sociale attiva da sei anni in Vallecamonica contro le discriminazioni di genere e legate all’orientamento sessuale) aveva lanciato un appello ai sindaci di tutti i Comuni della Vallecamonica.

L’invito era quello di portare nei propri paesi, oltre alle panchine giganti ed a quelle rosse contro la violenza sulle donne, anche delle panchine arcobaleno, a testimonianza della lotta contro le discriminazioni di ogni genere.

I volontari dell’associazione si sono messi anche a disposizione per dipingere eventuali panchine già esistenti, cercando così di coinvolgere più Comuni possibili nell’iniziativa. Il primo (e per ora unico) Comuni della Vallecamonica ad aver raccolto l’invito è stato quello di Berzo Inferiore, dove il Comune ha fatto dipingere ai bambini del Centro Estivo due panchine con i colori dell’arcobaleno.

Dall’Amministrazione guidata da Ruggero Bontempi il segnale è quello verso la comunità intera (e non solo i più piccoli) per l’inclusione e l’annullamento delle discriminazioni. Un gesto a cui potrebbero seguirne altri dai vari Comuni della Valle che già hanno inaugurato in passato panchine tematiche dedicate tutte ad importanti cause.

[Foto da Teleboario]

La Fondazione Comunità Bresciana e la Fondazione Cariplo insieme per gli “interventi emblematici provinciali”

La Fondazione Comunità Bresciana e la Fondazione Cariplo insieme per gli “interventi emblematici provinciali”

Si chiamano “interventi emblematici provinciali”: sono quelle iniziative che possono produrre un impatto significativo sulla comunità in cui sono svolte e sullo sviluppo della promozione culturale, sociale ed economica del territorio.

Anche per il 2021, la Fondazione Cariplo ha riservato a questi interventi fondi per 5,2 milioni di euro, da destinare al territorio con la collaborazione delle Fondazioni di Comunità. Per il Bresciano sono in arrivo 400mila euro, che saranno erogati tramite un apposito bando e con il supporto della Fondazione Comunità Bresciana.

Al contributo potranno essere ammessi quegli interventi attinenti alle aree filantropiche e strategiche, ovvero Arte e Cultura, Servizi alla persona, Ambiente e Ricerca scientifica e tecnologica. In altre parole, il bando andrà a finanziare qualsiasi progetto che garantirà lo sviluppo di una comunità coesa, il benessere sociale ed economico dei cittadini e l’inserimento dei giovani nel tessuto sociale.

Il bando 2021 avrà particolare attenzione per il rilancio delle attività culturali, anche in una logica di promozione del territorio, sostenendo quindi le performing arts, il riavvicinamento del pubblico agli spettacoli dal vivo e spettacoli con più soggetti. Le domande per ottenere i contributi si possono presentare entro le ore 17:00 del 10 settembre: maggiori informazioni sul sito della Fondazione della Comunità Bresciana.

Necrologi del 21 giugno 2021

Necrologi del 21 giugno 2021

I funerali del 21 giugno

CLUSONE

Agnese Bonadei, ved. Poletti (Rosa), 84 anni, funerali alle 15:00 nella Basilica di Santa Maria Assunta, partendo dalla camera mortuaria della Fondazione Sant’Andrea.

Vandali alla Riserva della Torbiere: feste ed ultraleggeri disturbano la fauna

Vandali alla Riserva della Torbiere: feste ed ultraleggeri disturbano la fauna

Non c’è pace per la Riserva Naturale delle Torbiere, ancora una volta alle prese con l’inciviltà di chi considera l’area protetta un posto come un altro per fare baldoria e mancare di rispetto alla natura circostante. L’ultimo episodio è avvenuto nella notte tra sabato e domenica, quando un gruppo di persone si è recato tra i canneti producendo grida e forti rumori fino alle ore 02:30 del mattino.

Non solo: domenica i volontari della Lega Abolizione Caccia, di Legambiente e dell’Organizzazione Internazionale Protezione Animali hanno ritrovato sul posto un barbecue e resti di cibo. I volontari sono impegnati in un servizio di vigilanza a favore della Riserva, troppo spesso frequentata da persone che entrano senza pagare il biglietto di ingresso, affollando la zona più del previsto e recando così un possibile danno alla flora ed alla fauna esistente, che invece dovrebbe essere preservata da episodi di questo genere.

A tutto ciò, si aggiungono anche i velivoli ultraleggeri che volano a bassa quota sfiorando stagni e canneti: una situazione ormai insopportabile ma sui cui, per ora, sembra che non si muova nulla per fare in modo che cessi il prima possibile.