Previsioni del tempo di lunedì 1 giugno 2020

Cielo: poco nuvoloso o velato, con addensamenti sparsi, specie a ridosso dei rilievi alpini. Precipitazioni: assenti. Temperature: minime stazionarie a 15°C, massime in aumento a 27°C. Zero termico: intorno a 3200 metri. Venti deboli.

La viabilità in Vallecamonica

La viabilità in Vallecamonica

SONICO

Per consentire i lavori di ripristino della linea MT di Enel Distribuzione, il Comune impone la chiusura al transito veicolare del tratto di strada per la Val Malga tra le località “Ponte del Guat” e “Malga Premassone” tutti i giorni fino a fine lavori dalle 07:00 alle 19:00, ad esclusione delle giornate di sabato, domenica e festivi.

CERVENO

Per consentire i lavori di adeguamento della strada e la formazione di parcheggi, il Comune impone fino al 24 giugno limitazioni di transito in via Broli.

Per lavori di rifacimento muro, il Comune istituisce il divieto di transito in via Sonvico (dal civico 9 fino all’altezza dell’incrocio con via Fucine) fino al termine delle opere.

MONNO

Fino alle 18:00 del 26 giugno il Comune impone la chiusura al pubblico del parcheggio comunale in via Valtellina, in fregio al torrente Re, per consentire le opere di adeguamento strutturale del magazzino comunale, con annesso parcheggio pubblico.

MALONNO

Sulla strada di accesso alla frazione Loritto si transita su una sola carreggiata, a causa del franamento di materiale roccioso sulla carreggiata.

CEVO

A causa del crollo di materiale roccioso in prossimità dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del versante in località Valzelli, il Comune impone fino a revoca la chiusura in entrambi i sensi di marcia della Strada Provinciale 84 Berzo Demo-Cevo dal km 6+500 al km 8+400, ovvero dal bivio per la località Loa fino all’ingresso del centro abitato di Cevo.

DARFO BOARIO TERME

In accordo con il Comune di Angolo il Comune di Darfo stabilisce che, a partire dal 1° giugno, per tutto il periodo estivo, l’accesso alla località Capo di Lago sarà vietato alle automobili non autorizzate dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 19:00. Libero accesso a piedi, in bicicletta o con motocicli.

Mortale sulla SS 42: aperto un fascicolo per omicidio stradale contro ignoti

Mortale sulla SS 42: aperto un fascicolo per omicidio stradale contro ignoti

La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo per omicidio stradale, al momento contro ignoti, per potere, eventualmente, attribuire le responsabilità della morte di Giulia Vangelisti, 20 anni, e Claudia Marioli, 19 anni.

Ora gli agenti della Polizia stradale di Darfo dovranno ricostruire e accertare la dinamica dello schianto che ha coinvolto due auto, l’Opel guidata da Giulia, su cui viaggiavano le vittime, e l’Audi, al cui volante si trovava un albanese di 38 anni, con a bordo una squadra di operai edili di ritorno a casa a Palazzolo dopo una settimana di lavoro a Livigno.

Fondamentali saranno le testimonianze di, chi attorno alle 22:30 di quel maledetto venerdì 29 maggio, viaggiava come loro all’altezza del chilometro 77 della Statale 42 in territorio di Esine, quando le due auto si sono scontrate frontalmente riducendosi a un ammasso di lamiere.

I rilievi, che si sono basati sulle posizioni dei mezzi dopo l’impatto, sono risultati incoerenti rispetto agli elementi raccolti sulla strada. Serviranno dunque ulteriori indagini, che coinvolgeranno anche i cinque feriti. Al momento però almeno due di loro si trovano in prognosi riservata al Civile di Brescia e al Niguarda di Milano. Anche gli altri sono in ospedale: due a Esine e uno in Poliambulanza.

Intanto, dopo il nullaosta della magistratura, lunedì alle 15:00 si terranno i funerali delle due amiche, per Giulia a Cividate Camuno, per Claudia a Esine.

Niente Adunata nazionale nel 2020: anche gli alpini si devono arrendere di fronte alla pandemia

Niente Adunata nazionale nel 2020: anche gli alpini si devono arrendere di fronte alla pandemia

(Nella foto la sfilata delle penne nere camune nel 2019 a Milano)

L’Adunata nazionale degli Alpini di Rimini-San Marino è stata definitivamente riniviata all’anno prossimo. Inizialmente spostata a ottobre 2020, la 94esima Adunata si farà a maggio 2021. Di conseguenza slitterà al 2022 l’edizione che vedeva come città ospitante Udine.

Il consiglio direttivo dell’Ana, riunito per via telematica, ha spiegato, annunciando a malincuore la decisione, che la situazione “pur in un quadro fortunatamente migliorato rispetto a marzo ed aprile, sconsiglia l’opportunità di riunire in una sola località tra pochi mesi centinaia di migliaia di persone provenienti da tutt’Italia ma anche da tutto il mondo”.

Una decisione sofferta, ma che è stata presa in primo luogo a tutela della salute di tutti, che l’Ana definisce “Un bene al di sopra di qualunque altra considerazione, anche alla luce della serie infinita di lutti che hanno colpito il nostro territorio e anche la nostra Associazione”.

Il consiglio direttivo si è detto certo che gli Alpini sapranno accettare la scelta col senso di responsabilità che li contraddistingue, mantenendo saldi i loro valori e nell’auspicio di tornare presto alla normalità.

Il Comune di Darfo non ripropone il bus navetta da e per il Lago Moro

Il Comune di Darfo non ripropone il bus navetta da e per il Lago Moro

Il Comune di Darfo ha deciso che quest’estate non verrà messo a disposzione il servizio di bus navetta da e per il Lago Moro e Capo di Lago. Inutile dire che sulla decisione è pesato l’aspetto sanitario legato all’emergenza coronavirus.

Oltre a questo c’è l’aspetto economico, come sottolinea il sindaco Ezio Mondini comunicando con rammarico la sua decisione: “Già negli anni passati il costo del servizio di trasporto non è mai stato coperto con i biglietti pagati e ha sempre richiesto un deciso intervento da parte del Comune. Quest’anno però i costi da affrontare per poter mettere in totale sicurezza il trasporto sarebbero stati insostenibili e prioritaria è sempre la salute”. ha scritto il primo cittadino.

Inoltre, anche in accordo con il Comune di Angolo, a partire dal 1° giugno, l’accesso alla località sarà vietato alle automobili non autorizzate in precise fasce orarie, esclusi naturalmente i residenti e i titolari di attività commerciali: il divieto di transito con le auto lungo strada che porta al Lago Moro sarà in vigore dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 19:00. Libero l’accesso a piedi, in bicicletta o con motocicli.

Istituita anche una finestra di apertura dalle 12:30 alle 13:30 di solo transito. Precisa il sindaco: “Si tratta di una sperimentazione che durerà qualche settimana: qualora si creassero ingorghi o disagi -anche se prevista e garantita la presenza della Polizia Locale- si provvederà ad  una revisione degli orari”.

Libero il transito e la sosta nelle aree dedicate a partire dalle 19:00 per favorire le attività commerciali che animano il Lago Moro.

Il sindaco commenta: “La situazione sanitaria richiede una rinnovata attenzione e senso di responsabilità. E’ legittimo il desiderio di tornare all’aria aperta e al relax che il nostro Lago garantisce, ma non possiamo non tener conto della straordinaria emergenza che stiamo vivendo”.

Il comunicato sottolinea che il rispetto delle disposizioni di sicurezza (pulizia, distanziamento sociale, mascherine…) per evitare una diffusione del virus è principalmente affidato al senso di responsabilità di ciascuno, ma all’Amministrazione compete un importante ruolo di controllo e regolamentazione proprio per evitare che si creino situazioni pericolose per la salute dei cittadini.