I giovani del corso ‘Amministrare il bene comune’ a Roma con le Acli. Milesi: “Occasione formativa e di relazione”

I giovani del corso ‘Amministrare il bene comune’ a Roma con le Acli. Milesi: “Occasione formativa e di relazione”

Al termine del corso di formazione ‘Amministrare il bene comune’ organizzato dalle ACLI provinciali di Brescia che ha visto la partecipazione di oltre 50 giovani in Vallecamonica, si è svolto, nei giorni scorsi, dal 16 al 18 settembre, il viaggio studio a Roma, al quale hanno partecipato una ventina degli iscritti al corso.

“Il viaggio è stata l’occasione per incontrare alcune realtà istituzionali alcune persone che hanno testimoniato quello che è il valore dell’impegno sociale e politico anche in ordine all’amministrazione pubblica” ha commentato ai nostri microfoni Pierangelo Milesi, presidente delle Acli bresciane, che ha accompagnato la comitiva insieme ai sindaci di Edolo, Luca Masneri, e di Paspardo, Fabio Depedro.

Milesi

“Durante le giornate i giovani avuto l’occasione di incontrare alcuni soggetti sociali come Coldiretti, Confcooperative, le Acli e alcuni testimoni in particolare: padre Francesco Occhetta, docente di dottrina sociale della chiesa presso l’Università Pontificia Gregoriana. Abbiamo avuto l’opportunità di assistere alla santa messa sulla tomba di San Pietro con il card. Giovanni Battista Re. E ancora, un incontro molto importante con monsignor Vincenzo Zani, segretario della congregazione per l’educazione Cattolica presso la Città del Vaticano. Molto stimolante la visita alla Comunità di Sant’Egidio dove abbiamo avuto la possibilità di visitare la Scuola di lingua e cultura italiana e anche di vivere un momento di preghiera con la Comunità e di incontrare il presidente dell’Istituto Luigi Sturzo, Antonietti, che ci ha ha aiutato a comprendere anche un tratto della storia del cattolicesimo democratico durante il ‘900″ racconta Milesi.

Il gruppo con il cardinal Re, di origini camune

“Il tutto. ovviamente. si è svolto con l’intento di offrire ai giovani partecipanti un momento formativo ma anche di relazione tra di loro, al termine del corso ‘Amministrare il bene comune’, che speriamo possa vedere anche il prossimo anno una nuova edizione, poiché si tratta di una proposta formativa molto interessante per tutti questi giovani” ha concluso il presidente Milesi.

Croce di Salven, un fulmine uccide sei mucche gravide

Croce di Salven, un fulmine uccide sei mucche gravide

A Croce di Salven di Borno sei mucche gravide di una mandria dell’azienda agricola Magnolini sono state colpite e uccise da un fulmine mentre stavano pascolando in un prato.

E’ successo domenica pomeriggio: all’arrivo del temporale si sono riparate sotto un albero come fanno abitualmente e sei di esse hanno trovato la morte.

In tutto erano 27 i capi dell’allevatore Silvano Magnolini che stavano pascolando all’aperto, scesi solo la scorsa settimana dall’alpeggio, in attesa di tornare a Borno per la festa delle Transumanza di domenica prossima.

Il veterinario accerterà la morte degli animali, poi un’impresa specializzata procederà con le operazioni di rimozione e smaltimento delle carcasse, tutto a carico dell’allevamento che ha subito il danno. Per la famiglia Magnolini una perdita che rappresenta il lavoro di una stagione.

Malonno dopo il maltempo fa la conta dei danni e chiede il pronto intervento alla Regione

Malonno dopo il maltempo fa la conta dei danni e chiede il pronto intervento alla Regione

Il maltempo preannunciato per il fine settimana si è abbattuto sulla Vallecamonica dalla serata di sabato per proseguire con un’altra perturbazione domenica pomeriggio. Tra di danni registrati, sicuramente i più ingenti sono quelli conseguenti all’evento meteorologico abbattutosi su Malonno, con l’esondazione del Torrente Cole su Via San Lorenzo.

Qui, poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica, sono dovuti intervenire i volontari della Protezione Civile di Malonno e del distaccamento dei volontari di Edolo dei Vigili del Fuoco, che hanno lavorato un paio d’ore per liberare la griglia del torrente dall’ostruzione e ripristinare il deflusso del corso d’acqua.

In particolare è stata constatata la presenza di materiale detritico nella briglia selettiva presente a monte della strada. Anche le briglie superiori, situate nella frazione di Moscio, sono state completamente riempite dai detriti. A causa dell’esondazione del Cole l’acqua ha invaso lo stabile della scuola materna Annunciata Cocchetti, oltre che gli scantinati di due stabili adiacenti e alcune abitazioni più a valle.

Dopo aver provveduto a far fronte alle criticità più urgenti, domenica mattina, con la luce del giorno, i tecnici comunali hanno constatato che gli eventi alluvionali non avevano interessato solo il Torrente Cole ma anche il Torrente Vallaro e la Valle di Lava. Anche in questi casi le criticità sono da attribuire al materiale detritico nelle briglie. Il Comune ha chiuso al transito la strada di collegamento con Vent, poichè il materiale fuoriuscito dalla briglia occupa parte della sede stradale.

Eseguiti già domenica pomeriggio i primi interventi di pulizia, mentre lunedì mattina gli Uffici comunali inoltreranno le richieste di pronto intervento all’Utr di Regione Lombardia.

Calcio, debutto sotto la pioggia: sospesa Vis Nova – Breno

Calcio, debutto sotto la pioggia: sospesa Vis Nova – Breno

Debutto bagnato per l’Us Breno, tanto che la partita della prima giornata di campionato contro la Vis Nova è stata sospesa al 18′ per l’acquazzone abbattutosi su Giussano, che ha reso impraticabile il campo. Il Breno si trovava già in vantaggio 1-0, grazie al gol messo a segno da Triglia appena dopo il fischio d’inizio.

Anche le altre squadre hanno fatto i conti con il maltempo, ma hanno potuto giocare. In Eccellenza il Darfo ha chiuso 0-0 in casa contro il Ciliverghe e ha messo da parte il primo punto della stagione.

A Piancamuno vittoria al Santa Giulia per i galletti grazie alla doppietta di Filippi contro il Villongo. 2-1 il risultato finale e primi tre punti per i camuni di Prima categoria.

In Seconda il Bienno ha vinto 1-4 a Rovato, con la doppietta di Felappi (un rigore) e le reti di Bettoni e Murra.
A Paitone l’Eden Esine fa 5 gol, con la doppietta di Menolfi, poi Guarinoni, Taboni e un’autorete.
Inizia male in casa invece la Nuova Camunia, battuta dal Sant’Andrea 1-2.

Derubata fuori dalla banca mentre aspetta il suo turno per un versamento, due passanti bloccano il ladro

Derubata fuori dalla banca mentre aspetta il suo turno per un versamento, due passanti bloccano il ladro

Una donna di 31 anni di Berzo Demo è rimasta vittima di un furto venerdì mentre si trovava in fila davanti all’ingresso della Banca Popolare di Sondrio di Esine, in attesa che arrivasse il suo turno.

Subito dopo, dietro di lei è arrivato un giovane, che sembrava essere un normale cliente. L’uomo – poi identificato dalle forze dell’ordine in un 38enne con precedenti residente a Darfo Boario Terme – con un gesto fulmineo si è avvicinato alla donna e le ha sfilato dalle mani una busta con la documentazione della ditta per cui lavora e del denaro contante necessario ad effettuare un pagamento.

Il ladro si è poi dato alla fuga a piedi, inseguito dalla derubata. La scena non è passata inosservata a due passanti, che sono intervenuti in soccorso della donna. I due, un 26enne di Pisogne e un venditore porta a porta nigeriano di 32 anni residente a Brescia, hanno bloccato la corsa del ladro, recuperando la refurtiva.

Nel frattempo sul posto è giunta anche una pattuglia dei carabinieri di Piancogno, allertata da altri cittadini che avevano assistito ai fatti. Il ladro, benchè bloccato, ha provato a liberarsi dalla presa dei due coraggiosi cittadini, colpendoli con calci e pugni. E’ stato portato presso la caserma dell’Arma e arrestato per rapina impropria. Su disposizione della magistratura è stato trasferito in carcere a Brescia.