Presentata la 31esima Fiera dei Fiori

Presentata la 31esima Fiera dei Fiori

Piamborno, sabato 20 aprile. Siamo su una terrazza di Borgo Glazel e tira un’aria fortissima, ma tutti – facendo gli scongiuri – si augurano che per la prossima edizione della Fiera dei Fiori (25-28 aprile) il vento abbia spazzato via le nuvole. I presenti alla conferenza stampa vengono omaggiati con una rosa rossa: di carta, creata dalle Sciure dei Fiur. Ci sono i rappresentanti di alcune tra le associazioni coinvolte, c’è l’Amministrazione, la Pro Loco, il Parroco, alcuni artisti e un paio di membri del Consiglio comunale dei ragazzi. Partiamo proprio dalla Sindaca dei ragazzi, Camilla Fontana:

Un estratto dall’intervista a Camilla Fontana, Sindaca del Consiglio comunale dei ragazzi
da sinistra: Enea Xibras, Camilla Fontana, la prof.ssa Zanotti

Con Simone Ramus, Presidente della Proloco di Piancogno, scopriamo invece il tema di questa 31esima edizione:

Un estratto dall’intervista a Simone Ramus, Presidente della Pro Loco di Piancogno
Simone Ramus, Presidente della Pro Loco di Piancogno

Oltre agli 8 espositori a tema vivaistico, i fiori saranno presenti con realizzazioni in legno e carta e sottoforma di decorazioni su panchine. Panchine su cui le persone saranno invitate a sedersi per esprimere sentimenti, emozioni, e via dicendo a proprio piacere.

Tante le associazioni e i gruppi coinvolti, sia di Piamborno che di Cogno. Cureranno eventi e appuntamenti nel corso delle 4 giornate di fiera, dal giovedì alla domenica. Un’organizzazione che, come sempre, sfida le possibilità avverse del tempo atmosferico. “Il nostro desiderio è che”, prosegue Ramus “le persone apprezzino il lavoro che facciamo, che è molto importante e duro perché si parte diversi mesi prima. L’unica cosa che speriamo è che la gente ci dica grazie.”

Non mancheranno la tradizionale sfilata d’apertura, le majorette, la banda, la mascotte Mimì, Nino il trenino, così come la sigla stessa della fiera. Spazio anche alle passioni del tempo libero: dalle dimostrazioni di tornio a quelle di motosega, passando per pirografia e workshop di kokedama. Presente anche lo sport, dalla bicicletta all’arrampicata, fino al baskin.

Come sempre, per non perdersi performance musicali, canzoni dialettali inedite, spettacoli per i più piccoli, esposizioni fotografiche (esporrà anche Graziano Filippini), presentazioni letterarie, racconti di pastori, laboratori per bambini, Pompieropoli e stand gastronomici, l’organizzazione consiglia di tenere d’occhio l’opuscolo, la cui copertina quest’anno è opera di Letizia Santicoli (classe V di Piamborno).

A proposito di giovani: saranno proprio i ragazzi delle scuole a fare da ciceroni, contribuendo a diffondere storia e cultura di Piancogno. Quest’anno si proporrà un approfondimento sulla famiglia Gheza, ricostruendone le vicissitudini in particolare nella fase del passaggio tra Ottocento e Novecento. Fotografie, tour della tenuta e del parco – giardino esotico incluso – senza dimenticare la cascata.

Per maggiori dettagli:

www.fieradeifioripiancogno.it

Le interviste integrali a Camilla Fontana, alla Prof.ssa Zanotti (che accompagnava i ragazzi del Consiglio comunale) e a Simone Ramus verranno trasmesse durante la puntata di VocePRESENTE in onda venerdì 26 aprile alle 10:10. La puntata si potrà poi riascoltare in podcast dalla pagina della trasmissione.  

“Una specie di Alaska”, il Teatro delle Ali chiude la rassegna delle Culture della Valle

“Una specie di Alaska”, il Teatro delle Ali chiude la rassegna delle Culture della Valle

Questo sabato, 20 aprile, alle ore 20:30, al Teatro delle Ali di Breno è in programma l’ultimo spettacolo che chiuderà il ciclo ‘’Le culture della Valle’’, inaugurato in questa stagione e dedicato alla vita culturale, formativa ed associativa della Vallecamonica.

La Classe Studio di Teatro del terzo anno dell’Accademia Arte e Vita va infatti in scena con “Una specie di Alaska”, tratto da un testo di Harold Pinter. Lo spettacolo è frutto di uno studio proposto agli alunni ed alle alunne da Lorenzo Trombini, docente, sul tema “può un testo drammatico sfociare in uno spettacolo comico?”.

Il testo, in effetti, comincia con atmosfere cupe e drammatiche: la storia presentata è quella di Deborah, paziente affetta da encefalite letargica, che si risveglia a 45 anni convinta di averne 16. La protagonista, inoltre, non accetta la perdita dei suoi parenti, che nel frattempo sono morti.

Nello studio effettuato dalla classe durante l’anno si è deciso di mettere in scena lo spettacolo in due chiavi: una drammatica ed una farsesca. Da questa impostazione si potrà notare come la regia e le scelte sceniche siano in grado di influenzare la percezione del pubblico, indipendentemente dalle parole del testo.

Da questo esperimento nascerà uno spettacolo in dotazione alla compagnia teatrale dell’Accademia The Lost Sheep dell’anno successivo. L’ingresso allo spettacolo è gratuito, fino ad esaurimento di posti disponibili.

[di Sabrina Nachit]

Sette pellicole al Garden per la decima edizione della Primavera degli Oscar

Sette pellicole al Garden per la decima edizione della Primavera degli Oscar

La primavera degli Oscar è tornata al Cinema Garden Multivision di Darfo Boario Terme. La rassegna è giunta alla decima edizione e, come sempre tra aprile e maggio, dopo l’assegnazione dei premi Oscar che avviene nel mese di marzo a Los Angeles, propone i migliori film premiati con la celebre statuetta.

Dopo la proiezione del pluripremiato “Oppenheimer” la scorsa settimana, martedì 23 aprile si potrà vedere “Povere creature!“, con il premio per miglior attrice ad Emma Stone. Martedì 30 aprile si passerà a “The holdovers. Lezioni di vita” di Alexander Payne.

Il 7 maggio verrà proposto “Anatomia di una caduta”, premiato per la miglior sceneggiatura, il 14 maggio si passerà a “La zona d’interesse“, miglior film internazionale. Martedì 21 maggio si potrà rivedere il miglior film d’animazione “Il ragazzo e l’airone”. La rassegna si chiuderà martedì 28 maggio con “Godzilla Minus One”. Inizio delle proiezioni alle 20:30 con ingresso a 5 euro.

Il coro Is.Ca compie 60 anni: concerti, eventi e un cd con i canti più celebri

Il coro Is.Ca compie 60 anni: concerti, eventi e un cd con i canti più celebri

Il coro Is.Ca, acronimo di Iseo – Cai, compie 60 anni. Le sue origini risalgono già agli anni ’50, quando alcuni giovani intrapresero esperienze corali rudimentali guidati dal reggente del Cai di Iseo Tonino Antonioli, con il prezioso contributo della maestra Elena Allegretti Camerini, che ha poi diretto il coro per cinquant’anni. La costituzione ufficiale del coro è datata 1964, quando venne fondato come nuova divisione culturale della Sottosezione Cai di Iseo.

Con la maestra l’Is.Ca ha compiuto un percorso di valore assumendo una particolare fisionomia interpretativa, arrivando a esibirsi oltre i confini del Sebino e anche all’estero: dal Belgio, all’Austria, dalla Germania al Regno Unito, e persino in Vaticano, al cospetto di Giovanni Paolo II. Il coro ha mantenuto una presenza solo maschile, con una breve parentesi con presenze femminili, e oggi è diretto dal maestro Ferdinando Mottinelli. I coristi attualmente sono venticinque. Il repertorio è vario e vasto: va dai canti di montagna a quelli popolari.

Nei giorni scorsi il coro ha presentato gli eventi organizzati per il sessantesimo anniversario, gli eventi sono diversi, il primo in calendario è la “Maratona Cori Cai”, seconda edizione, che si terrà a Iseo sabato con un’esibizione con i cori di Sondrio, Sibilia Macerata e Melegnano. Tra le 16:00 e le 18:00 è previsto il canto de “La Montanara” in largo Zanardelli e alle 18:15 il concerto nella Parrocchia di Sant’Andrea.
Il 25 maggio ci sarà la festa dei 60 anni con i cori di Iseo intitolata “In un attimo…60” per la quale è stato inciso un cd che verrà presentato e distribuito.

Caldi abbracci e quadrotti, le iniziative benefiche degli Amici di Caterina non si fermano

Caldi abbracci e quadrotti, le iniziative benefiche degli Amici di Caterina non si fermano

Gli Amici di Caterina non si fermano mai e, archiviato un progetto, ne mettono subito in campo un altro. Dopo l’iniziativa benefica della lunga sciarpa natalizia lanciata un mese prima di Natale con la vendita di quadrotti di lana a tema natalizio e una raccolta fondi per l’ABE – Associazione Bambino Emopatico Odv di Brescia, ecco le nuove idee dell’associazione di Bienno.

Sono due le proposte benefiche lanciate per il 2024: “Un caldo abbraccio” e i Quadrotti di lana. Per il primo progetto si chiede di confezionare delle copertine della misura di 60 cm per 80 cm, con lana dai colori pastello, realizzate a maglia o a uncinetto, curate nei dettagli e rifinite, da regalare al reparto Maternità dell’Ospedale di Esine a tutte le neo-mamme e ai loro neonati.

La seconda proposta riguarda la realizzazione di quadrotti di lana , della misura 50 per 50 cm a uncinetto , del colore e della lana che si preferisce. L’associazione li userà per realizzare delle coperte per i senzatetto, che verranno distribuite da City Angels Brescia.

I lavori vanno consegnati presso la sede dell’Associazione Amici di Caterina a Bienno, in via Contrizio 17, o spediti a Bienno Turismo – Piazza liberazione, 1, 25040 Bienno.

Per informazioni si può chiamare Terry Bettoni al 346 21 39 954.

Eventi a Corteno in vista del 25 aprile: un convegno, una mostra, una camminata e un libro

Eventi a Corteno in vista del 25 aprile: un convegno, una mostra, una camminata e un libro

(di Sabrina Nachit)

In vista del 79esimo anniversario della Liberazione d’Italia, il Comune di Corteno Golgi, l’Associazione Fiamme Verdi Alta Valcamonica e l’Associazione A.N.P.I. Valsaviore e Alta Valle Camonica, con i Comuni di Aprica, Berzo Demo, Cedegolo, Cevo, Edolo, Incudine, Malonno, Monno, Paisco Loveno, Ponte di Legno, Saviore dell’Adamello, Sellero, Sonico, Temù, Vezza d’Oglio e Vione, organizzano l’evento Comprensiorale dell’Alta Valle Camonica.

Il fitto programma di celebrazioni è iniziato il 4 aprile con la consegna dei libri sulla Resistenza alla terza media della scuola di Corteno Golgi, per poi proseguire il giorno 11 aprile con la Commemorazione dei 5 Martiri – Venturini, Canti, Scilini, Negri e Ghiroldi – nell’anniversario della loro fucilazione.

Il calendario di appuntamenti continua sabato 20 aprile alle 17:00, quando si terrà il convegno a cura di Rolando Anni e Giuliano Chiapparini “Corteno nella Resistenza – donne e uomini ribelli, la maestra Annetta“, presso la Sala Chiodi di Corteno Golgi, e l’inaugurazione della mostra sui personaggi della Resistenza.
La giornata del 21 aprile sarà dedicata all’itinerario dei luoghi del ricordo dei caduti della Resistenza, da Edolo a Carona, con partenza alle 13:30 da Monno.

La sera del 22 aprile, alle 20:45, l’autore Simone Dini Gandini presenta il libro ‘’La Bicicletta di Bartali’’. Segue la presentazione del progetto “La Bicicletta Europea”: il Ciclista della Memoria Giovanni Bloisi pedalerà da Ventotene al Mortirolo e percorrerà 1.600 chilometri il 9 maggio, data di nascita dell’Europa. Arrivo in Mortirolo il 31 maggio, per concludere la sua tappa il primo giugno a Corteno. Il 23 aprile è fissato l’incontro tra Simone Dini Gandini e gli studenti delle scuole di Corteno Golgi.

La celebrazione Comprensiorale culminerà giovedì 25 aprile. La Manifestazione ha inizio alle ore 9:00 in Piazza Marconi a Corteno Golgi (Sagrato Chiesa Parrocchiale). Alle 9:30 è previsto il Corteo per le vie del capoluogo e arrivo in Piazza Venturini. Qui, dopo i saluti istituzionali delle ore 10:00, verrà inaugurata la panchina europea intitolata all’Ambasciatore Luca Attanasio. Il presidente delle ACLI Lombarde, Martino Troncatti, terrà il discorso ufficiale. La giornata commemorativa si concluderà con la Santa Messa presso la Chiesa Parrocchiale di Corteno Golgi, alle 11:30.

Si rende noto che sarà possibile accedere alla mostra sulla Resistenza presso la sala conferenze del Museo Golgi e Sala Chiodi il 25 aprile dalle ore 9:00 fino alle ore 11:00. Successivamente, la mostra sarà aperta fino al 2 giugno ogni mercoledì dalle 16:00 fino alle 18.00 e ogni sabato dalle 10:00 fino alle 12:00.

Il programma di celebrazioni terminerà ufficialmente il primo giugno alle ore 9:30, presso la Sala Chiodi di Corteno Golgi, con il Convegno ‘’la Resistenza in Europa’’.